L’isola di Capri è amata in tutto il mondo, ma quanti possono dire di sapere proprio tutto su quest’isola? Forse veramente pochi. In questo articolo ti sveliamo 3 curiosità interessanti

Che l’isola di Capri sia tra le mete preferite del turismo glamour e d’élite è cosa risaputa, tuttavia chiunque passi in costiera amalfitana difficilmente rinuncia ad un tour a Capri. Dunque, che sia in barca o con l’aliscafo una capatina all’isola azzurra non può davvero mancare.

Perché? Perché Capri è bella, bella davvero. Ha un fascino naturale e l’allegria aleggia nell’aria. Forse è magica. Una sorta di isola che non c’è, perché a Capri ogni tristezza svanisce, ci si sente felici e ci si innamora (non a caso è una delle mete più gettonate per una proposta di matrimonio da sogno). Tutti vogliono andare a Capri e poter dire: “io ci sono stato”, basta dare uno sguardo su Instagram e vedere quante condivisioni ha l’#capri, ben 2.271.241.

Insomma, tutti vogliono andarci, ma poi alla fine quanto ne sappiamo dell’isola di Capri? In questo articolo voglio svelarti 3 curiosità che (spero) ti sorprenderanno. Pronto?

1. Perché Capri ha questo nome

Può sembrare un paradosso, ma quella che oggi conosciamo come icona del lusso, un tempo era conosciuta come l’isola delle capre. Il nome infatti, deriva dal latino “Capreae“, con il quale le popolazioni antiche chiamavano l’isola per la presenza di numerose caprette che saltellavano suoi suoi pendii a picco sul mare.
A questo punto la storia si fonde con la leggenda. Le caprette in questione sarebbero le capra aegagrus, le stesse dalle quali Giove Egioco ricavò la pelle per ricoprire il suo scudo.
Passeggiando sul Monte Solaro, oggi è ancora possibile immortalare uno di questi esemplari aggirarsi nella valletta di Cetrella.

2. L’Isola delle Sirene

Oltre all’isola Azzurra o l’isola dell’Ammore, stando alle leggende, Capri è anche conosciuta come l’isola delle Sirene. D’altronde è ad appena un passo dalla “Terra delle Sirene” (Sorrento) e dagli isolotti de’ Li Galli, la cui origine, secondo il mito, è dovuta alla trasformazione in rocce delle tre sirene il cui canto fu ignorato da Ulisse durante il suo passaggio.
Ad alimentare la leggenda della presenza delle sirene a Capri, oltre all’omonimo “scoglio delle sirene” che caratterizza la baia di Marina Piccola, c’è anche un commento al canto V dell’Eneide di Virgilio in cui Servio narra di creature metà donna e metà uccello vissute prima a Pelorias (Messina) e poi a Capreae che con il loro canto ammaliavano i marinai mandando le loro navi contro gli scogli.

3. La Grotta Oscura

Le grotte di Capri, ogni anno, attirano migliaia di curiosi che a bordo di barche private o attraverso tour organizzati immortalano questi monumenti naturali dalla bellezza straordinaria. C’è, però, un’altra grotta tenuta segreta che pare superi in bellezza e dimensioni la regina, ovvero la grotta azzurra. Si tratta della Grotta Oscura, così battezzata per le vicende che accompagnano la sua storia. Il 15 maggio del 1808 una frana che distrusse anche la Torre della Certosa sovrastante invase l’ingresso di massi e detriti, provocando anche la morte di tre fanciulli. Da quel giorno la grotta non è stata più accessibile, ma chi ha avuto la fortuna di ammirarla ha tenuto a tramandare la straordinaria bellezza di questo luogo.
Tra questi c’è il viaggiatore britannico Joseph Addison che, a inizio Settecento, così descriveva le proprie emozioni:
«Sono riuscito a distinguere ogni suo dettaglio. L’imboccatura è bassa e stretta, ma la grotta poi si apre ai lati di un ovale, che da un lato all’altro misura almeno un centinaio di metri.
Il soffitto è arrotondato e distilla da ogni parte acqua fresca, che mi cadeva addosso, fitta come le prime gocce di un temporale».
Da tempo si discute in merito alla riapertura della grotta, ma non si sa se e quando si porterà di nuovo alla luce questo tesoro nascosto. Nessuno sa dirlo, ma forse è meglio che resti inaccessibile così da preservare il suo magico fascino.

Conosci altre curiosità su Capri?

Se sei a conoscenza di altre notizie interessanti su Capri, commenta questo articolo o scrivici sulla nostra pagina FB Excursiona Boat Sorrento  saremo molto felici di condividere il tuo contributo in questo blog.

Abbiamo dedicato molti articoli all’isola di Capri, dai nomi dei faraglioni alla leggenda della lucertola azzurra e credo proprio che non ci fermeremo qui. Su quest’isola c’è veramente tanto da raccontare, così semmai decidessi di visitare Capri o di ritornarci sarai attento ad ogni dettaglio e magari potrai anche pavoneggiarti con qualche amico o amica dispensando notizie che pochi conoscono.